06/08/07

Nemesi


Superman ha Lex Luthor. Charlie Brown ha l'albero mangia-aquiloni. Sandra Milo ha il tizio che le fa gli scherzi telefonici.
Anche io ho un arcinemico.
Disgustoso Animale mi perseguita fin dall'infanzia. Rampollo di una famiglia di ignoranti fascisti, di qualche anno più grande di me, la sua missione è rendere la mia vita un inferno ogni volta che ne ha l'occasione. Ed è bravissimo a farlo.
Certo, i suoi metodi sono mutati nel corso degli anni. Quando ero bambino non si premurava di nascondere le sue intenzioni, perseguitandomi, spalleggiato dalla sua cricca di figli di Satana, con minacce o atti terroristici. Una delle sue specialità era roccare palloni, un classico per ogni bullo che si rispetti. Si impadroniva del mio Tango e, dopo essersi sollazzato a sufficienza nell'ignorare qualsiasi richiesta e supplica, lo lanciava oltre il giardino del palazzo, dentro una casa diroccata e difficilmente accessibile, infestata da erbacce, rifiuti, ferri acuminati e cadaveri di altri sfortunati possessori di palloni.
Gli anni passavano e mentre io diventavo un adolescente lagnoso e impacciato che non perdeva una puntata di Bayside School, Demonio Assasino praticava arti marziali e affinava le sue tecniche letali.
Non giocavo più a pallone in giardino, in compenso ogni tanto facevo un giro in bici. Possedevo anche un bellissimo contachilomtri digitale. Un infausto giorno parcheggiai per breve tempo la bici nell'androne del palazzo. In quei pochi minuti, lui e la sua splendida ragazza dai lunghi capelli neri si trovarono a passare di lì. Quando tornai a prendere la bici, il manubrio era spoglio e il mio bellissimo contachilometri digitale era sparito. Non lo rividi mai più, ma lo ricordo ancora distintamente, il suo quadrante multifunzione scintillante nelle pedalate gioiose sotto il sole. In quei momenti, mentre realizzavo di averlo perso per sempre, preda di una frustrazione rabbiosa, diedi un calcio al vetro del portone, incrinandolo. Mio padre dovette pagarlo.
Il crimine non paga, mio padre sì.
Ma gli anni passavano, io e Deviato Aberrante avevamo sempre meno occasioni per incrociarci. Abbandonai anche la bicicletta per uno scooter. Non sono mai stato fortunato con i mezzi motorizzati. Il mio primo adorato motorino, uno Storm Gilera con cui avevo un'intensa unica e irripetibile, fu rubato proprio all'interno del condominio. Alzando la serranda impiegai qualche secondo a rendermi conto che lì, dove riposava notte dopo notte, c'era solo un grande vuoto, un moncone di catena e neppure un biglietto d'addio.
Il suo indegno successore fu spesso vittima di creativi atti vandalici. Ci fu una volta che non ne voleva proprio sapere di partire e appresi dal meccanico che era stato sottratto uno stupido pezzo, di nessun valore per un ladro con un minimo di serietà.
A 19 anni sono passato all'auto. Le originali incisioni in punta di chiave sulle fiancate, curiosamente, non ne hanno aumentato il valore.
Io e Delinquente Anormale siamo ancora qui. Lui mi rivolge sguardi da far impallidire Charles Manson ogni volta che ho la sfortuna di incrociarne il cammino. I suoi atteggiamenti si sono fatti più subdolamente intimidatori. Una volta mi capitò di incontrarlo, io al sicuro dentro la mia auto, lui ubriaco a lato della strada e con gli occhi fuori dalle orbite mi lanciò un urlo di guerra abominevole. Per fortuna in mano aveva una bottiglia e non un'ascia.
Non so quanti di voi provino genuino odio verso qualcuno, un odio così forte da desiderare che sparica una volta per tutte da questo mondo. Spesso io ci ho fatto un pensierino.
Il problema è che, mentre io penso, Dovrò Ammazzarti agisce.

p.s.: la situazione che makkox prospetta nella vignetta non si è MAI verificata! Almeno non ancora...

p.p.s.: no, purtroppo il mio arcinemico non è Diego Abatantuono.

8 commenti:

Skiribilla ha detto...

Il perfido D.A.
Che t'importa, tu sai scrivere, sei superiore! La prossima volta digli: "Fanculo, c'ho un blog e tu sei nessuno!"
Perderà tempo a cercare "blog" sul vocabolario e tu ti metterai in salvo...

P.S.: Bel disegno. Mak sta facendo una serie dedicata ai pom...i, mi sa (tu nota come sono delicata..)

madmac ha detto...

non credo che attirarlo qua sarebbe una buona idea...
p.s.: sì, è vero, Mak ha un debole per i pomelli

ABS ha detto...

Perché non provi la strada del dialogo e della fratellanza? Magari Dimensioni Abnormi è buono dentro...

makkox ha detto...

Eh.... dice matmak che la situazione prospettata nel mio disegnello non si è mai verificata.
E come mai nella email di risposta a quando gliel'ho inviato c'era scritto "E tu come fai a saperl...?!!!"

Caro madmach, e mica c'è niente di male! Con i prepotenti le cattive non servono. Meglio, a volte, chinare la testa... ripetutamente.

(hehehehe... st'argomento lo manda fuorigiri!!!);-)
Markoks

Anonimo ha detto...

ma io ci avevo lasciato un commento qui.
Comunque dicevo, non è che è Dario Argento?

Perché più che odio mi pare tu ti caghi sotto.

green

madmac ha detto...

no, non è Dario Argento, perché temo più sua figlia di lui

makkox ha detto...

Ti difendo io, che conosco le arti marziali e lo zen, e un tempo giravo nel west solo cona la mia abilità e mi chiamavano Kung-F...

aspè... questi non sono ricordi miei. Mi sa che era una serie telev...

Come non detto. Niente, niente.
Fa conto di
non aver letto.

Ciao, M.

PS
Ma qual'era quella cazzo di serie inglese che dicevi?

madmac ha detto...

ah, bestia di un green, è vero che avevi commentato, ma nel post sotto.
hai bisogno di riposo, ragazzo!